Come consumatore indiano, perché comprate (o non comprate) cibo biologico?

Le persone in genere non acquistano alimenti biologici per due motivi:

  • Costo alto
  • Fidati del marchio biologico per il quale viene pagato un prezzo elevato.

Lascia che ti spieghi prima perché il cibo biologico è costoso?

  • L’offerta di alimenti biologici è limitata rispetto alla domanda;
  • I costi di produzione per gli alimenti biologici sono in genere più elevati a causa di maggiori input di manodopera per unità di prodotto
  • La manipolazione post-raccolta di quantità relativamente piccole di alimenti biologici porta a costi più elevati a causa della segregazione obbligatoria di prodotti biologici e convenzionali, in particolare per la lavorazione e il trasporto;
  • Il marketing e la catena di distribuzione di prodotti biologici sono relativamente inefficienti e i costi sono più alti a causa di volumi relativamente piccoli.

Per fidarsi del marchio biologico è necessario verificare le norme (internazionali e nazionali) – come NPOP, USDA, ecc. – che hanno fissato gli standard e che sono conformi a queste linee guida e certificano i produttori.

La compagnia di cui ti puoi fidare per i prodotti biologici è 24 Mantra . Stiamo lavorando con quasi 25.000 agricoltori che coprono quasi 150.000 ettari di terreni agricoli in 15 Stati. L’azienda ha oggi 15 impianti di elaborazione e oltre 200 prodotti. Le fattorie, i prodotti e le strutture sono certificati per gli standard UE, NOP USDA e NPOP indiano.

    Related of "Come consumatore indiano, perché comprate (o non comprate) cibo biologico?"

    È vero che l’autenticità dei prodotti biologici – sia essa biologica o meno – è difficile da fidarsi, ma più di questo, credo che sia più importante per noi capire il significato di “organico” piuttosto che essere semplicemente definito da qualche consiglio “normativo”.
    C’è anche un sacco di presupposti su come effettivamente arriviamo alla conclusione che il venditore o l’agricoltore potrebbe aver corrotto il cosiddetto “quadro normativo” per la certificazione biologica.
    Legalmente, non c’è nulla di organico che esista – almeno in India. La prevenzione della contaminazione e la sicurezza del cibo, ecc. Ha alcune clausole che possono essere utilizzate per mettere in discussione il venditore nel caso e denunciare nel caso in cui si scopre che il prodotto che stanno vendendo non è quello che pretendono di essere – tuttavia, non c’è chiara definizione della parola organica.
    Tuttavia, nonostante l’assenza di regolamenti – l’immagine non è così triste – grazie al movimento organico.
    Esistono norme (internazionali e nazionali) – come NPOP, BioSuisse, USDA – che hanno fissato gli standard per qualcuno che vuole diventare biologico (dal convenzionale) – e ci sono agenzie (per lo più private) che si conformano a queste linee guida e certificano i produttori basato su una tassa.
    Ci sono varie agenzie che operano in India – e il suo vero non tutto può essere considerato equamente – ma i nomi delle agenzie funzionano come Brand in questo settore – e vale sempre la pena sapere quale agenzia ha certificato il cibo che stai vendendo.

    Ma, come consumatore, si dovrebbe anche essere consapevoli del fatto che la conversione e la certificazione hanno un costo per gli agricoltori (minore rendimento rispetto al fertilizzante, maggiore sforzo manuale, costo di certificazione / controllo) – quindi, il prezzo più alto!

    Inoltre, per un paese come l’India, dove ci sono molti agricoltori che hanno proprietà agricole molto piccole e non un buon accesso alle informazioni e ai fondi, potrebbe non essere mai possibile per molti agricoltori ottenere la certificazione pur avendo pratiche biologiche nella loro agricoltura (io personalmente Conoscere 4 agricoltori di questo tipo che praticano il biologico solo perché ci credono e non ritengono importante che qualcun altro “certifichi” i loro prodotti) …
    Anche per questo esiste un metodo di certificazione a basso costo che esiste – chiamato PGS (Schema di garanzia partecipativa). Sebbene PGS non sia riconosciuto dalle agenzie di certificazione, alcuni dei migliori gruppi di agricoltori biologici che conosco in India sono certificati da PGS.

    Per rispondere a come il cibo biologico può essere reso economico?
    Il modo migliore sarebbe quello di avvicinarsi ai produttori – praticamente, eliminare tutti gli intermediari. So che alcune famiglie della mia città hanno legato con i contadini vicini a noi e hanno stretto un accordo con loro per comprare da loro – e anche loro partecipano alla pianificazione della loro semina … consultali sulle pratiche biologiche ..
    In questo modo, non solo conosci il modo in cui viene prodotto il tuo cibo, ottieni meno cibo e anche gli agricoltori ottengono prezzi migliori
    A Kolkata e Jamshedpur, ci sono “caprioli / mercati” organizzati una volta ogni settimana .. dove un gruppo di agricoltori porta i loro prodotti e li vende direttamente ai clienti – il trasporto e l’affitto per il posto sono gestiti dai fondi della cooperativa ( ngo shyamoli). Entrambi questi gruppi sono consultati sulle loro pratiche organiche dal gruppo di consumatori / volontari locali.

    Anche in una normale situazione di “grande città” ci sono modi in cui puoi essere più sicuro che qualcuno affermi di essere organico o meno. (dato, tu fai le domande giuste)
    Senza entrare nel lato tecnico / (test chimici, ecc.) Ecco un paio di cose che puoi (dovresti) fare come consumatore:
    1. Chiedi al venditore la fonte (quale agricoltore, quale villaggio) – se c’è una certificazione – quale agenzia ha certificato (alcuni dei nomi più fidati sono IMO, EcoCert, CU, Vaidik, Lacone .. e anche molti altri
    2. I marchi biologici – se vogliono creare fiducia – devono mostrare la certificazione o dovrebbero essere completamente trasparenti – nella misura della percentuale del prezzo che va agli agricoltori – visite al gruppo di agricoltori

    Il dibattito sulla GM ha attirato la mia attenzione, il caso di Bt Brinjal per essere specifico.
    Il problema con l’India è che questo tipo di decisioni sono tutte guidate politicamente, anche il tipo di semi che gli agricoltori dovrebbero seminare è guidato politicamente. I colpi grossi si aspettano sempre un contraccolpo da queste decisioni. La popolazione è un fattore enorme in questo, immagina di avere milioni di persone come il tuo cliente (indirettamente) è ancora un sogno per molte aziende straniere.

    Per quanto riguarda il mio parere sugli alimenti GM, purché sia ​​stato testato bene e approvato in molti paesi, non ho alcun problema. Come tutti sappiamo, il mais / mais che mangiamo oggi è geneticamente modificato.

    Venendo alla questione principale degli alimenti biologici in India, ad essere sinceri, non mi fido dell’etichetta biologica in India e non sono pronto a pagare un prezzo più alto per questo. La corruzione è talmente dilagante in India che credo che l’etichetta biologica possa essere facilmente acquistata. E come ho detto, dal momento che il mercato è così grande, chiunque pagherà effettivamente una frazione dei profitti come tangente. Non sto dicendo che questo è vero, sto solo dicendo che ho questa opinione sulle etichette organiche.

    A meno che non veda i raccolti crescere davanti ai miei occhi senza l’uso di fertilizzanti chimici, non ho intenzione di credere all’etichetta biologica.

    Mentre sono all’estero, potrei comprare cibo biologico dato che il prezzo non è troppo alto di quello normale.